Venezia

Venezia

poesia

Venezia bambola dormiente
vestita d’oro e porcellana.
Le braccia tese, a oriente – lacrime d’avorio –
melodia sacrilega in musica
suonata d’istinto – romanza ardita –
ritmico remeggiare di ieri – batte le note del tempo.
Piovono foglie di rame – incantevole preludio
di viaggio – drappeggi di seta scarlatta
adagiati su ceneri di piombo. Oblio.

Sospesi nell’effimero notturno – è di anime turbate il passo –
s’avviano in processione muta i misteri.

Venezia. Bambola di sale, assopita… Sogna.



Testo: Copyright © 2003 Francesco Barazza. Tutti i diritti riservati. È severamente vietata la riproduzione, divulgazione e stampa della presente opera, in toto o in parte, senza l’autorizzazione dell’autore.

Fotografia: Copyright © 2015 Francesco Barazza. Tutti i diritti riservati. È severamente vietata la riproduzione, divulgazione e stampa della presente opera, in toto o in parte, senza l’autorizzazione dell’autore.

Partecipa attivamente al blog. Scrivi il tuo commento.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...